Riproduci video

Interview by David Shah – editorial director and publisher at Metropolitan Publishing BV (Textile View, View2, Viewpoint, PantoneView Colour Planner, Textile View VIFF China. 

Video by john Gidley – Gidleyproductions.com

ABOUT CAROLINA NISIVOCCIA

Carolina Nisivoccia, architetto, direttore artistico, docente, è nata a Milano ed è cresciuta nel mondo della moda e dei giornali, con cui collabora durante gli anni universitari, ancora prima della laurea in architettura al Politecnico di Milano.

Prima di aprire il proprio studio nel 2001, lavora per alcuni anni con Aldo Cibic, creando e curando il reparto R&D di Cibic and Partners, in cui ha sviluppato un’intensa ricerca materiali. Questa passione rimarrà come imprinting nello sviluppo del suo lavoro successivo.
Oggi con il proprio Studio si dedica al mondo dell’interior design “at large”, abbracciando molti campi.

E’ stata direttore artistico per la Milano design week di Superstudio per tre edizioni, dal 2015 al 2017, con il format “Superdesign show”, un evento esteso su una superficie di più di 10.000mq per un centinaio di espositori.

Lavora per clienti privati così come per i grandi e nazionali e internazionali, per i quali sviluppa progetti estremamente personalizzati, sia in Italia che all’estero (Parigi, Colonia, Monaco, Crans- Montana, Mosca, Mendrisio, Shanghai).
In particolare, un intenso rapporto costruito nel tempo con le aziende, l’ha portata a specializzarsi in brand design.
Dal 2018 è docente di Brand Design e Brand Strategy presso la NABA Milano, per gli studenti del corso di laurea specialistico di Interior Design.

Il suo lavoro è basato su un approccio umanistico, anche se appena il progetto e il budget lo permettono ama inserire l’uso di tecnologie innovative, ma come strumento e non come fine.

 

PROGETTI:
Dalla ristrutturazione di appartamenti a progetti di retail (il primo spazio di Rossana Orlandi, alcune boutique di Krizia tra Shanghai, la Svizzera e Mosca), allo styling e al set design.
Ma soprattutto allestimenti, per i grandi nomi del design e dell’editoria. Da Ikea a Swarovski, da Baleri a Mondadori, dalla Regione Emilia Romagna al Cosmit a Federlegno, ad una serie di interventi per Pitti Immagine.

Ha realizzato per oltre dieci anni tutte le scenografie delle sfilate di Krizia, oltre agli allestimenti per Pitti Immagine e al coordinamento della mostra in Triennale per i 40 anni del marchio (1995. Progetto dei premi oscar Dante Ferretti e Gabriella Pescucci).

Ha firmato l’allestimento di alcune importanti mostre per il Comune di Milano:
– “Il gran teatro del Mondo. L’anima e il Volto del Settecento”, a cura di Flavio Caroli, Palazzo Reale,
– “Emilio Tadini. Opere 1959-2001”, Palazzo Reale,
– “Kozo watabiki. Oriente, arte, natura”, a cura di Lanfranco Colombo, Palazzo dell’Arengario,
– “Ruggero Savinio. Opere recenti 1986-1998”, Sala Viscontea del Castello Sforzesco.

In particolare, per Cosmit nel 2012 ha curato il progetto della mostra “Auto-Mobili” per i 50 anni del Salone del Mobile, in via Monte Napoleone: una storia del design raccontata in cinque ambienti a rappresentare 5 decadi della storia del design.

Per Federlegno Arredo, nel 2015, ha progettato uno degli ambienti dell’iniziativa “InItaly, app diffusa in tutto il mondo per la promozione del made in Italy.

Nel 2019 ha rilanciato un materiale apparentemente desueto come la moquette, portando l’azienda Radici, già leader nella produzione in Italia e nel mondo, su tutte le riviste nazionali ed internazionali, facendo da volano per il ritorno di questo prodotto.

I suoi lavori negli anni sono apparsi sulle principali riviste nazionali e internazionali, come Domus, Interni, ElleDecor, Abitare, Case da Abitare, Casa Amica, Architecture & Wohnen, Villegiardini e su libri come “Grand Stand 2” ed. Frame Gestalten, e “150 best apartment ideas” per Logos. Sue interviste sono apparse sulle pagine del Corriere della Sera, Repubblica, e su canali web come LeonardoTV, Pantoneview e Ultrafragola.

 

DESIGN ETICO, SOCIALE E DELLA RELAZIONE
Dal 2008 conduce, in anticipo sui tempi che verranno, una ricerca personale rivolta al design sociale e al “design della relazione”, volto a promuovere un nuovo umanesimo”, ideando alcuni progetti che hanno ricevuto importanti premi internazionali.

 

PREMI:
– Primo premio “Green Dot Awards” per il progetto di design della relazione “eco-dieta per il design”
– Terzo premio e menzione d’onore per il progetto di design della relazione “Milano Cicl-Abile”
– Terzo premio Florence design week “Milano INVASA”
– Menzione d’onore concorso Cassina “LC50 Project 2015”, giuria presieduta da Mario Bellini.
– Long-listed Frame Awards 2020 “Walk on R-Evolution” trade-fair stand of the year.

 

SPEECH:
È chiamata come relatore in conferenze e presentazioni nell’ambito del design, della sostenibilità e dell’interior.

Carolina Nisivoccia is an architect, artistic director and professor. She was born in Milano and grew up in the world of fashion and journalism: industries where she has been active since her university years even before her graduation in Architecture at Milano Politecnico.

Before opening her own studio in 2001, she had worked for some years with Aldo Cibic, creating and developing the R&D division of Cibic and Partners where she focused on the research for materials.
This passion will be her imprinting for her future works.

Today she devotes herself to interior design “at large” in her own studio embracing different sectors.

She was artistic director of Superstudio for three consecutive editions from 2015 to 2017 with the format “Superdesign show”- an extended event on a surface of over 10.000msq and about a hundred exhibitors.

She works for private clients as well as for big national and multi-national companies developing extremely customized projects both in Italy and abroad (Paris, Koln, Monaco, Crans- Montana, Moscow, Mendrisio, and Shanghai).

She has specialized in brand design thanks to strong and long lasting partnerships with her clients.

She has been professor of Brand Design and Brand Strategy at NABA Milano since 2018 teaching post graduate students in Interior Design.

Her works have a humanistic approach including innovative technologies when budget and project allow for it. Whenever technology is included, it is as a mean and not as the final objective of the project.

 

PROJECTS:
From the refurbishing of private apartments and retail projects (initial event space for Rossana Orlandi, boutiques for Krizia in Shanghai, Switzerland and Moscow), to styling and set design,
she has mostly designed the setting for big names in the world of design and press: Ikea, Swarovski, Baleri, Mondadori, Regione Emilia Romagna, Cosmit, Federlegno, as well as a series of projects for Pitti Immagine.

For more than ten years she set up all the staging for Krizia runways and she worked on the setting-up for Pitti Immagine. She also coordinated the 40 year celebration of Triennale exhibition hall (1995. Project of the Oscars Dante Ferretti and Gabriella Pescucci).

She has staged some important exhibitions organized by Comune di Milano:
– “Il gran teatro del Mondo. L’anima e il Volto del Settecento”, by Flavio Caroli, Palazzo Reale,
– “Emilio Tadini. Opere 1959-2001”, Palazzo Reale,
– “Kozo watabiki. Oriente, arte, natura”, by Lanfranco Colombo, Palazzo dell’Arengario,
– “Ruggero Savinio. Opere recenti 1986-1998”, Sala Viscontea at Castello Sforzesco.

In 2012 she worked on the “Auto-Mobiles” project by Cosmit for its 50 year celebration of Salone del Mobile (Furniture and Design fair)- via Monte Napoleone, Milan. It was a story of design told using 5 settings, representing 5 decades of design history.

In 2015, Carolina created one of the settings for the project titled “In Italy, an international app for the promotion of “made in Italy around the world” for Federlegno Arredo.

In 2019 she reintroduced wall to wall carpeting, a furnishing material out of use for a while. Hence bringing the Italian company Radici (a worldwide leader in carpet production) on the covers of all national and international design magazines and revamping the comeback of this material.

Throughout the years, Carolina’s works have been published on major national and international magazines such as Domus, Interni, ElleDecor, Abitare, Case da Abitare, Casa Amica, Architecture & Wohnen, Villegiardini and on books such as “Grand Stand 2” ed. Frame Gestalten as well as “150 best apartment ideas” for Logos. Interviews to Carolina have been published on leading Italian newspapers such as Corriere della Sera and Repubblica as well as on web channels (LeonardoTV, Pantoneview and Ultrafragola.)

 

ETHIC, SOCIAL AND RELATIONAL DESIGN
Since 2008 Carolina has begun a personal research focused on social and “relational design” thus anticipating and promoting a humanistic approach through specific projects that have already been appreciated and have received important international prizes.

 

PRIZES:
– First prize “Green Dot Awards” for relational design project “eco-diet for design”
– Third prize and honourable mention for relational design project “Milano Cicl-Abile”
– Third prize Florence design week “Milano INVASA”
– Honourable mention at Cassina contest “LC50 Project 2015”, chairman of the jury Mario Bellini.
– Long-listed Frame Awards 2020 “Walk on R-Evolution”, for the trade-fair stand of the year.

 

SPEECH:
Carolina is called in as speaker during conferences on design, sustainability and interior design.

COLUMNS

Per oltre dodici anni e fino al 2014, ha scritto per importanti testate italiane. In particolare, è stata titolare di alcune rubriche fisse.

Per Grazia Casa, mensile tra le testate leader del segmento up-market dell’arredamento, che proponeva una selezione del meglio del design di interni e del life-style contemporaneo, curando la rubrica “Libri” dedicata alla recensione di libri di architettura, design e dintorni; per la stessa testata dal 2001 al 2010 ha ideato e curato la rubrica “Oltre le Mete” e poi “Architetture”, scrivendo di luoghi intorno al mondo, da visitare, da vedere, da vivere. Dal museo al ristorante, dalla passeggiata sul ponte pedonale all’albergo più insolito, voleva essere una guida alle più belle architetture di recente realizzazione e sempre accessibili al pubblico.

Per il Corriere della Sera, nella sezione Corriere di Milano, nel 2011 ha ideato e curato “Si può fare”, una rubrica in anticipo sui tempi, nata dalla sua attenzione ai progetti di design sociale e della relazione. Pensata per guardare ai nuovi modi di interpretare lo spirito ecologico di cui gli anni a venire non potranno più fare a meno. Uno spirito indissolubilmente legato ad una nuova etica, visto attraverso gli occhi di un architetto e dedicato alle nuove generazioni.

For over 12 years up to 2014, she has written articles for important national press titles and wrote some newspaper columns for them.

She proposed a “best of “of the world of interior design and contemporary lifestyle through the column called “Libri”, dedicated to architecture and design books  on Grazia Casa (a monthly leading magazine in the up-market segment.) From 2001 to 2010, she created and developed the columns “Oltre le Mete” and later “Architetture” for the same magazine. Here she wrote about places around the world to be visited and discovered, proposing museums, restaurants, pedestrian walks and unconventional hotels, aiming to be an architectural standpoint guide to the best and most recent architectural projects open to general public.  

In 2011 she has created and ran the column “Si può fare” (meaning “Can do it”) for Corriere della Sera, in the Milan section Corriere di Milano. Ahead of times, this idea was born from Carolina’s special interest for social design and relational design projects.  The column was conceived to be a new way to look at that green spirit which would have become a solid trend in the following years.  A way of thinking strictly connected to a new ethics, seen through the eyes of an architect and dedicated to new generations.

© 2014-2020
Carolina Nisivoccia Architetto | 
p.iva 12472630156

Web Design: Teo Sandigliano
Web Programming: Giorgio Martinetto